3 MARZO 2007: ECLISSE DI LUNA

Quali sono le circostanze di questa eclisse?

Questa eclisse totale di Luna avrà inizio alle 21:16 del 3 marzo 2007 ora italiana, con massimo alle 00:20 del 4 marzo e fuoriuscita dalla penombra alle 3:25. La magnitudine è 1,23.

Ingresso nella penombra 21:16
Ingresso nell'ombra 22:30
Inizio della totalità 23:43
Massimo dell'eclisse 00:20
Fine della totalità 00:58
Egresso dall'ombra 02:11
Egresso dalla penombra 03:25
I tempi sono in TMEC (TU+1h), corrispondente all'ora solare invernale (fonte SCIS).

Che cos'è e quando si verifica un'eclisse di Luna?
L'eclisse è il parziale o totale occultamento di un corpo celeste da parte di un altro.
L'eclisse di Luna si verifica quando il nostro satellite si trova ad attraversare il cono d'ombra causato dalla Terra, che si interpone tra il Sole e la Luna stessa. Un'eclisse di Luna può presentarsi soltanto all'epoca del Plenilunio, cioè quando la Luna si trova in opposizione rispetto al Sole. La Terra, intercettando i raggi solari, crea un cono d'ombra. Se la Luna attraversa completamente questo cono si ha un'eclisse totale; se lo intercetta solo parzialmente si ottiene un'eclisse parziale.
Poiché l'orbita lunare é inclinata di circa 5° rispetto all'orbita terrestre, non ci sarà un'eclisse a ogni Plenilunio: la fase di Luna Piena deve verificarsi con il nostro satellite in prossimità di uno dei due nodi (i punti di intersezione fra l'orbita lunare e il piano orbitale della Terra). L’ombra della Terra (circa 3 volte più grande del diametro apparente della Luna) nasconde il nostro satellite naturale: il fenomeno è conosciuto come eclisse di Luna. Se la coincidenza tra Luna Piena e punto nodale è molto buona, si ha un'eclisse totale, in cui l'intero disco lunare viene oscurato dall'ombra terrestre, altrimenti si verifica un'eclisse parziale, quando solamente una parte del disco lunare è interessata dall'ombra; nei casi peggiori si ha un'eclisse di penombra, e l'oscuramento della Luna è lieve o addirittura difficilmente percepibile. Il cono d'ombra è infatti contornato da una regione, detta di penombra, dove solo una parte dei raggi solari viene bloccata dalla Terra.La componente rossa del flusso luminoso proveniente dal Sole in direzione dell'atmosfera terrestre viene rifratta da quest'ultima fino ad arrivare sulla Luna. La componente blu, al contrario, viene dispersa nell'atmosfera terrestre, cosicché la Luna eclissata assume una disuniforme colorazione rossiccia.

Perché si parla di "Luna rossa"?
L'atmosfera terrestre devìa i raggi solari per effetto della rifrazione, cosicché la Luna si troverà immersa in un'ombra che sarebbe molto scura se non fosse pervasa dalla luce solare diffusa. Poiché la radiazione rossa viene diffusa meno efficacemente di quella blu, la superficie lunare eclissata assumerà una colorazione rossastra.


L'UAI per l'occasione effettuerà un collegamento con " l Cielo in Diretta l'iniziativa UAI - Corriere della Sera per avvicinare all'Astronomia via Internet.