5 LUGLIO 2003: ...E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE

“…e quindi (ri)uscimmo a riveder le stelle” e’ il titolo di una conferenza pubblica sul problema dell’inquinamento luminoso che l’Ass.ne Scientifica Astronomica Pegasus terra’ a Bagnoregio sabato 5 Luglio 2003, alle ore 17:30, presso la Sala del Vescovado in p.zza Cavour.
Relatori saranno l’Avv. Mario Di Sora, direttore dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino (FR) e presidente della sezione Italiana dell’International Dark-Sky Association (l’ass.ne mondiale piu’ famosa per la lotta all’inquinamento luminoso) e l’Arch. Andrea Vagni, Presidente dell’Ass.ne Pegasus ed esperto di inquinamento luminoso.

Il famoso verso con cui si concludono le tre le cantiche di Dante, rende bene l'idea riguardo i danni provocati da questo ultimo e ulteriore fenomeno inquinante presente ormai in tutti i centri urbani (dopo quello atmosferico, acustico ed elettromagnetico). Da sempre sensibile ai temi cari alle “cose” del cielo e quindi anche alla loro salvaguardia e protezione, l’Ass.ne Pegasus è stata tra le promotrici della legge regionale del Lazio n.23 del 13/04/2000, riguardo le norme per la riduzione e la prevenzione dell’inquinamento luminoso.

Ma cos’è l’inquinamento luminoso?

È la diffusione verso l’alto di tutta quella luce artificiale notturna che va a rischiarare la volta celeste, invece che ad illuminare verso il basso il manto stradale o l’edificio di particolare rilevanza storico-artistica.

Cosa provoca tutto cio’?

La scomparsa della visione notturna delle stelle, così come si possono ammirare nei cieli di montagna o in aperta campagna lontano dai centri abitati, e un notevole enorme dispendio energetico.
È quindi un problema con una duplice ricaduta: a) una ambientale e culturale, visto che il cielo notturno e’ la seconda meta’ dell’ambiente in cui viviamo quotidianamente, dopo la terra; b) una prettamente energetica.  E quest’ultima ci riguarda particolarmente da vicino, in questi giorni estivi di black out elettrici, a macchia di leopardo, che hanno interessato l’intera penisola italiana. Il problema energetico e’ uno di quei tabu’ che la politica italiana non ha mai voluto affrontare seriamente e con progetti, anche di ricerca, a lungo termine. 

Un modo per iniziare a risolverlo e’ anche quello di illuminare meglio le nostre citta’, adottando dei semplici e moderni accorgimenti come l’installazione di sistemi di illuminazione cosiddetti cut-off. Le lampade gestite dalle Amministrazioni Pubbliche in Italia sono circa 8 milioni. Occorre ricordare che sono potenzialmente 8 milioni di stufe elettriche: le nostre città in estate sono sempre più calde anche a causa di questi impianti. Gli studi fatti sull’argomento in ambito nazionale e internazionale, hanno messo in evidenza che modificando le regole di comportamento fino ad ora adottate, si può ottenere una migliore illuminazione a terra, una riduzione considerevole delle spese energetiche (stimato nell’ordine del 30/40%) e come risultato un adeguato rispetto per l’ambiente. Nel nostro Paese è stato pertanto presentata al Senato una Proposta di Legge (n. 751) "Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all’inquinamento luminoso" la quale, quando verrà adottata, farà risparmiare una cifra dell’ordine di 300/500 miliardi delle vecchie lire all’anno, di costi energetici. 


E nel Lazio?

Nella nostra regione sarebbe sufficiente che le Amm.ni Pubbliche rispettassero e facessero rispettare la legge regionale n.23 del 13/04/2000, di cui tra breve sarà disponibile anche il piano attuativo.



VEDI GLI ALTRI EVENTI
Locandina della conferenza Locandina della conferenza